Tribulus Terrestris – il vigore maschile degli antichi romani per essere ogni giorno un centurione

Il Tribulus Terrestris è una Zygophyllacea spinosa conosciuta anche come tribolo comune, caciarello e vite puntura. Da millenni conosciuta dalla fitoterapia tradizionale sia in occidente che in oriente, è una pianta medicinale che ha raggiunto gli onori della cronaca all’inizio del Novecento, quando alcuni atleti ne fecero uso per migliorare le loro capacità sportive durante le gare dell’epoca.

tribulus In effetti il Tribulus terrestris contiene due glucosidi: il furistanolo e lo sprirostanolo, in grado di regolare la produzione endogena di diversi ormoni sessuali come il testosterone, il diidrosterone, l’ormone luteinizzante (LH) ed il deidroepiandrosterone (DHEA). Grazie a questa azione anabolizzante, il Tribulus terrestris è quindi in grado di potenziare sul medio e lungo termine la prestanza fisica, la resistenza e l’energia, di aumentare la massa muscolare, ed è anche vastamente utilizzato come rimedio per le malattie della sfera sessuale come la disfunzione erettile, l’infertilità e per fronteggiare i cali del desiderio sessuale per via della sua azione afrodisiaca. Un ottimo rimedio naturale anche per le donne, il Tribulus terrestris assunto come infuso o estratti in compresse, aiuta infatti a normalizzare l’attività ormonale, regolarizzando il ciclo mestruale e diminuendo i tipici disturbi ad esso associati (mal di testa, nervosismo, stanchezza, diarrea, stitichezza). Il Tribulus terrestris è anche utilizzato dalla medicina naturale tradizionale con Tribulus Terrestris per via della sua azione disintossicante e depurativa, in grado di stimolare la funzionalità epatica e renale, e riequilibrare le disfunzionalità connesse a questi organi. Studi scientifici ne hanno inoltre dimostrato il potere disinfettante e l’efficacia per il trattamento di alcune malattie di natura infettiva (di origine batterica o fungina) come le infiammazioni del tratto urinario, le infezioni alimentari da Escherichia coli (diarrea, dissenteria, colite), ed anche alcuni tipi di malattie veneree.