etf

Lyxor lancia la scommessa: l’ETF sulla classe A cinese arriva in Europa

Lyxor non ci sta e, nonostante il periodo recente non abbia rappresentato il miglior momento della storia recente cinese, ecco comparire sulla piazza parigina e nel mercato londinese il nuovo ETF sulle azioni renminbi di classe A, le migliori della regione.

Nuovo prodotto e nuova visione sui mercati: l’Exchange Traded Fund lanciato da uno dei più rinomati emittenti di fondi al mondo ha portato il mercato a fare nuove valutazioni sul caso “Cina” e a chiedersi effettivamente quante opportunità di ottenere performance soddisfacenti esistano.

L’obiettivo statale del 7,5% sul PIL nel 2014, infatti, pare ancora un lontano miraggio, con uno schema economico che tende a muoversi ribassando i principali dati macro ed una finanza che, in parte separata dal vero mercato quotato, presenta ancora zone d’ombra.

RQFII: l’ETF sulle azioni di classe A

Si chiama RQFII ed è un ETF fisico (http://www.trend-online.com/etf-fondi.html), avente per sottostante azioni effettivamente detenute dal fondo, gestito dalla controllata di Lyxor, la Fortune SG di Honk Hong, che offre esposizione su azione domestiche cinesi appartenenti alla categoria di classe A. Il fondo è un replicante dell’indice MSCI China A, racchiudente oltre 450 società quotate tra i mercati di Shanghai e di Shenzhen, permettendo una copertura settoriale basata non solo sulla diversificazione pura delle classi d’appartenenza, ma anche nella garanzia dei migliori titoli sulla piazza.

 

Con il fondo RQFII (Renminbi Qualified Foreign Insitutional Investor), Lyxor ha riaperto all’Europa la possibilità (e la curiosità) di posizionarsi su azioni cinesi di classe A, che rappresentano circa il 75% dell’intera capitalizzazione del mercato cinese. “Finora –tali classi- sono state sottopesate nei portafogli” ha commentato Arnaud Llinas, global head di Lyxor. “Nonostante il persistere dei limiti agli investimenti legati al sistema di quote” ha continuato lo stesso, “il ritmo delle riforme regolamentari e delle iniziative, fanno aumentare le prospettive di inserimento e numerosi investitori internazionali sono già alla ricerca di opportunità di investimento delle azioni di classe A”.