Impianto-di-scarico

Impianto di scarico: caratteristiche e manutenzione

Nonostante l’impianto di scarico si trovi quasi totalmente al di sotto della vettura e quindi nascosto in larga parte all’occhio di un possibile osservatore, la funzione svolta dalla marmitta, dai suoi collettori, e da tutti gli organi che compongono il sistema di scarico, è assolutamente fondamentale. Dell’impianto di scarico, ad esempio, fa parte anche il catalizzatore e, nelle auto a gasolio di più recente progettazione, il Filtro antiparticolato: questi due dispositivi sono stati studiati per garantire un netto e drastico calo delle emissioni inquinanti solitamente immesse dalle normali automobili nell’atmosfera.Impianto-di-scarico

La funzione dell’impianto di scarico

L’impianto di scarico, quando si trova in condizioni di perfetta efficienza, riesce a garantire alla vettura la possibilità di esprimere le massime prestazioni della quale essa è capace, rendendo più briose ripresa ed accelerazione e più parchi i consumi di carburante. Uno scarico in piena efficienza, inoltre, riduce notevolmente il rumore del motore facendo crescere in maniera proporzionale il livello di confort acustico percepito dai passeggeri dell’autovettura. Mediante il catalizzatore, infine, l’impianto di scarico (silux-auto.it) trasforma le sostanze pericolose per l’ambiente sintetizzandole in maniera tale da renderle meno inquinanti.

Sulla base di quanto detto fin qui, dunque, è possibile capire quanto complesso sia l’impianto di scarico di un’automobile, nonostante di esso non sia possibile (di solito) vedere altro che il terminale della marmitta: in realtà, il sistema di scarico di un’automobile si snoda al di sotto del suo telaio estendendosi sovente per più di tre metri.

Ovviamente, al pari di tutte le altre dotazioni tecnologiche e meccaniche di cui è provvista qualsiasi automobile, anche l’impianto di scarico è soggetto ad un’usura graduale che giorno dopo giorno causa il decadimento della resa e dell’efficacia dello stesso rendendo necessarie riparazioni e, talvolta, la sostituzione di almeno uno dei componenti che ne fanno parte. Essendo in larga parte esposto a severi sbalzi di temperatura, alla corrosione causata dall’accumulo di sale e dal ristagno di umidità sulla sua superficie e, in generale, al semplice trascorrere del tempo, il sistema di scarico tende infatti a perdere gradualmente la sua efficienza, inficiando di conseguenza le prestazioni, il rendimento ed i consumi dell’auto.

Proprio per ovviare a questa problematica di estrema importanza, è fondamentale provvedere ad una manutenzione scrupolosa, attenta e costante del sistema di scarico di cui è provvista la propria automobile. Solitamente, lo scarico di un’automobile dovrebbe essere controllato in maniera ancor più particolare ed approfondita ogni 3 o 6 anni (dipende dai materiali costitutivi dello stesso e, in generale, dagli intervalli consigliati dalla casa costruttrice). Naturalmente tali indicazioni sono da intendersi in maniera meramente indicativa, in quanto l’usura di tutti i componenti del sistema di scarico è comunque favorita anche dalla quantità di km percorsi (chi fa più di 15.000 km l’anno dovrebbe quindi diminuire la distanza tra un controllo e l’altro) e dallo stile di guida che si è soliti adottare.

Problema all’impianto di scarico: come capirlo?


Di solito, un problema relativo al sistema di scarico di un’autovettura si rende immediatamente riconoscibile mediante un evidente cambio del tono e dell’intensità del rumore provocato dalla vettura in fase di marcia. Il problema, che si rende ancor più evidente soprattutto in fase di accelerazione, è solitamente causato dal distacco di uno degli elementi dell’impianto; trascurare il guasto senza porvi rimedio, potrebbe condurre alla comparsa di danni ancor più ingenti e, nei casi peggiori, risultare pericoloso anche per gli altri automobilisti: un elemento disancorato dal suo supporto, infatti, potrebbe a causa delle sollecitazioni provocate dal movimento della vettura, staccarsi del tutto dal telaio e finire sulle auto vicine.

Preoccupante, per la salute dell’impianto di scarico di un’automobile, è anche l’emissione di fumo dalla marmitta. In tutti questi casi è sempre opportuno fare visita al proprio meccanico.